Insieme ce la possiamo fare...
Benvenuti nel forum...spero che vi troviate bene in nostra compagnia...tornateci a trovare quando volete

La psicologa: "Piccoli trucchi per gestirla bene"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Normale La psicologa: "Piccoli trucchi per gestirla bene"

Messaggio Da Simmy il Lun Set 15, 2008 8:58 pm

Calo del tono dell'umore? Aggressività nei confronti del partner e dei propri familiari? Il disagio che avvertono quasi la metà delle donne in questo periodo del mese non è nulla di patologico e si può imparare a controllare con piccoli trucchi. Ne è convinta Marinella Cozzolino (nella foto), psicoterapeuta e presidente dell’Associazione italiana sessuologia clinica di Roma. Cerchiamo di capire con lei quali sono i casi, invece, in cui i sintomi diventano così pesanti da impedire il normale svolgimento delle proprie attività.

Secondo la sua esperienza le donne di oggi soffrono in maniera differente dei sintomi della sindrome premestruale rispetto alle loro nonne? Cos’è cambiato rispetto al passato?
"In linea di massima possiamo dire che non è cambiato molto. Il fatto è che sono cambiate le donne. Mi spiego meglio. A differenza di quello che succedeva in passato, le donne sono più abituate a concentrarsi sui messaggi che invia il proprio corpo e ad analizzarli.
Facciamo un esempio: un tempo le donne facevano poco caso, se non addirittura non si accorgevano del tutto, del seno che si gonfiava oppure della pancia che diventava un po’ più evidente proprio nei giorni che precedono il ciclo. E questo, se da un lato può essere positivo perché c’è una maggiore attenzione a captare eventuali segnali "sospetti", dall'altro può diventare una vera e propria ossessione e quindi essere pericolosa".
Le reazioni emotive durante la fase premestruale sono uguali per tutte le donne?
"Dobbiamo considerare che durante la fase premestruale dal punto di vista fisico nel corpo della donna si verifica un fisiologico scombussolamento ormonale che può influire sull’umore, con sintomi diversi da donna a donna. Per fare qualche esempio: ci sono donne che lamentano un calo nel tono dell'umore con vere e proprie crisi di pianto, altre, al contrario, sono estremamente irritabili e aggressive. C'è chi sente il bisogno di mangiare più carboidrati e zuccheri con qualche piccola conseguenza..."
Quale?
"Niente di grave, magari qualche brufoletto o la pelle semplicemente più grassa, oppure un leggero aumento di peso. Questo incide negativamente sull'immagine a cui la donna è abituata. Ma è un fatto assolutamente soggettivo, perché gli altri neppure se ne accorgono. In genere a soffrire maggiormente della sindrome premestruale sono proprio le donne che tendono a tenere tutto sotto controllo.
Ci può essere, però, anche un aspetto più profondo. Nei giorni che precede o dovrebbe precedere il ciclo mestruale si analizzano in modo quasi ossessivo i sintomi quando si ha il desiderio che arrivi un figlio. O, al contrario, nel caso di ragazze molto giovani che non usano metodi contraccettivi e temono di essere rimaste incinta. L'attesa del ciclo, in entrambi i casi, può esser motivo di stress".
Il calo del desiderio che molte donne lamentano, quanto dipende dall’alterazione ormonale e quanto, invece, da una sensazione psicologica?
"Dobbiamo considerare che il corpo della donna è tarato per la procreazione. Il picco ormonale si verifica a metà del ciclo quando la donna è feconda ed è proprio in questo periodo che il desiderio sessuale è maggiore. Nell'ultima fase del ciclo, invece, gli ormoni calano a picco e con questi anche il desiderio. Ma tutto è riconducibile al crollo degli ormoni, nulla di patologico, quindi, se il desiderio diminuisce".
Quali consigli per affrontare questi giorni del ciclo?
"Il primo consiglio che mi sento di suggerire è di spostare l'attenzione dal proprio corpo e considerare che gli effetti della fase premestruale non sono visibili all'esterno. Cambia solo l'immagine che la donna ha normalmente di sé stessa
Poi consiglierei di pianificare in qualche modo i giorni che precedono la mestruazione. Faccio un esempio: se so che il mio tono in quei giorni sarà a terrà, cercherò di gratificarmi con qualche cosa di piacevole come lo shopping, un cinema o una passeggiata con le amiche. Se il mio problema è la ritenzione idrica e un certo aumento di peso potrò farmi consigliare dall'erborista qualche tisana sgonfiante. Se, infine, so che sarò più irascibile e aggressiva con il partner, dovrò cercare di costruire momenti più intimi con lui, situazioni in cui stare insieme in modo piacevole, che so, una cenetta o una gita".
Quali sono i casi in cui è necessario ricorrere allo specialista? "Ci sono casi di donne che soffrono tremendamente per un'ovulazione dolorosa che dura fino al giorno del ciclo e che devono ricorrere sia all'impiego massiccio di analgesici che al pronto soccorso. In questi casi la situazione è così pesante a livello fisico da avere ripercussioni anche a livello psicologico. Nei casi in cui non ci sono problemi gravi a livello fisico, ma il disagio psicologico è così forte da condizionare la vita quotidiana, ci si può rivolgere allo specialista per analizzarne e capirne il motivo. Sentirsi molto a disagio nei giorni che precedono il ciclo potrebbe dipendere dal bisogno di controllare tutto oppure dal rifiuto della propria femminilità".

_________________


Simmy
ADMIN
ADMIN

Femminile Capricorno Compleanno : 20.01.78
Località : Provincia di Catania
Umore : Serena
Data d'iscrizione : 25.07.08

http://simmy.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum